Una montagna per amica

Accordo tra il Ser.D di Cuneo, il dipartimento per le Patologie da Dipendenza, dell’Asl Cn1 e la sezione di Peveragno del C.A.I., ovvero del Club Alpino Italiano, per promuovere insieme la Montagnaterapia. “Si mette in piedi un lavoro di équipe – spiega l’educatore Carlo Mandrile del Ser.D. di Cuneo – pianificato e condotto in sinergia, espressione di volontà di collaborazione tra due realtà che si potevano pensare distanti e slegate tra loro”. Un’iniziativa che ha radici non antichissime, ma che si praticava già a partire dagli anni ’80 in Belgio e Francia, mentre dagli anni ’90 in Italia. Nel tempo si è dimostrato che le dinamiche di gruppo con l’aggiunta dell’ambiente culturale, naturale e artificiale della montagna hanno un carattere terapeutico riabilitativo oltre a socio educativo. Sicuramente un alleato in più nella lotta sanitaria alle dipendenze e alle disabilità. Sempre con i suoi operatori del settore, l’Asl Cn1 ha partecipato alla strutturazione della Carta Etica per la Montagna approvata con delibera di Giunta regionale nel febbraio 2019 e si è contribuito alla fondazione della neonata Società Italiana di Montagnaterapia avvenuta a Bergamo nell’ottobre del 2019, come emanazione nazionale della Rete di Montagnaterapia presente da anni sul territorio italiano.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Tavola-disegno-1.png
Redazione

Copyright © 2021

Media Service Italia

SEO Torino & Web Design by Media Service Italia. Hosted by Media Hosting Italia