Sabato Toro-Juve, derby figlio di un Dio minore. Senza pubblico e squadre disperate in classifica

Sabato, ore 18, a poche ore dalla Pasqua, si gioca il derby della Mole. Il Toro è diciassettesimo, ad un solo punto dalla zona retrocessione. La Juve è terza a 10 punti dall’Inter capolista, con appena 2 punti di margine sulla quinta. Ma la tristezza maggiore è che sarà il terzo derby ai tempi del Covid. E un derby senza pubblico è giocoforza figlio di un dio minore.

Il Toro ha vinto solo un derby negli ultimi 26 anni, nel 2015, Segno’ Pirlo su punizione,  ribaltarono l’esito della sfida Darmian e Quagliarella.

Ma Pirlo fu anche il match-winner del derby dell’ottobre 2014, vinto con un gol a 4 secondi dalla fine proprio dell’attuale allenatore juventino

Pure per Nicola è il prino derby. Il Toro ha bisogno di punti salvezza, la Juve di vincere per restare in zona Champions.

Ma è un derby figlio di un Dio minore soprattutto perche’ sara’ il terzo ai tempi del Covid, ossia senza pubblico.

Il primo, il 4 luglio. in un torrido pomeriggio allo Stadium vide la Juve imporsi per 4-1.

Lo scorso inverno ancora vittoria juventina maturato solo nel finale con le reti di Mc Kennie e Bonucci che ribaltarono il  gol di Nkoulou.

Pero’ è la prima senza pubblico al vecchio “Comunale” teatro da quais un secolo, con sconfinamenti al Filadelfia, al Delle Alpi ed allo Stadium, dei derby piu’ belli della storia,

La malinconia di un derby a porte chiuse è accompagnata dalla tristezza della classifica.

La Juve sta abdicando dopo aver vinto 9 scudetti di fila. Anzi i bianconeri devono adesso preservare la zona Champions.

Il Toro per il secondo anno di fila lotta per la salvezza e la statistiche della gestione Cairo nel derby sono da incubo: 1 vittoria, 3 pareggi 19 sconfitte.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Tavola disegno 1

Copyright © 2021

Media Service Italia

SEO Torino & Web Design by Media Service Italia. Hosted by Media Hosting Italia